Una promessa d’amore

Una promessa d'amore Book Cover Una promessa d'amore
Mary Balogh
Fiction
Leggereditore
2015
cartaceo, e - book
250
A Christmas Promise

Un matrimonio iniziato sotto i peggiori auspici si trasforma in un sogno dal quale i due protagonisti non vogliono svegliarsi: sarà colpa del Natale?

Eh lo so, che è ancora un po’ presto per immergersi nell’atmosfera natalizia, ma che male può fare un piccolo assaggio?

Un ricatto non tanto velato

Randolph, conte di Falloden, alla morte del suo predecessore non ha ereditato solo il titolo e la dimora ancestrale che un tempo era dei suoi nonni, ma anche una pila di debiti che il suo onore di gentiluomo gli impedisce di ignorare.

Quando alla sua porta si presenta un certo signor Transome, un commerciante di carbone che ha fatto fortuna, dicendogli di aver pagato tutti i suoi debiti, a Randolph non resta altro che accettare il non tanto sottile ricatto dell’uomo, che gli chiede di sposare la figlia in cambio della cancellazione dell’ingente debito.

Una fanciulla fredda come il ghiaccio

Il conte non è per niente contento della soluzione proposta dal signor Transome, ma non vede altra via d’uscita a quella situazione, così accetta di sposare la figlia dell’uomo: il primo incontro con la ragazza suscita in lui emozioni poco piacevoli, perché lei si comporta con freddezza e alterigia; e lui già rabbrividisce all’idea di vivere tutta la sua vita accanto ad una donna priva di emozioni.

In realtà, Eleanor non è insensibile come appare, ma, dopo l’accordo stretto dal padre e la successiva morte del genitore, le sue emozioni sembrano essersi congelate.

Un Natale miracoloso

Sebbene sia arrabbiato con la moglie perché convinto che gli abbia mentito sul desiderio del padre di non volere che la figlia passi il Natale portando il lutto per lui, Randolph accetta di invitare i parenti di lei nella sua residenza di campagna… Al loro arrivo, capisce subito che quel Natale sarà diverso da tutti quelli vissuti finora, perché l’esuberanza della famiglia di Eleanor è capace di mandare in frantumi anche le convenzioni più salde.

Sarà proprio l’atmosfera familiare e festosa a far avvicinare i due sposi, abbattendo lentamente le barriere issate da entrambi per proteggere il loro cuore. Riuscirà, questa tregua natalizia, a trasformare un matrimonio di convenienza in un matrimonio d’amore?

 


Lo so che l’estate non ci ha ancora del tutto lasciati, ma le storie romantiche ambientate a Natale sono una tentazione troppo forte a cui non so resistere e questa, scritta dalla bravissima Mary Balogh, non fa di certo eccezione.
Una promessa d’amore è un bellissimo romanzo che parla non solo di amore, ma anche di perdono, di guarigione e di quanto, a volte, le prime impressioni possano rivelarsi sbagliate.
Con la sua consueta bravura, Mary Balogh entra in punta di piedi nelle vite dei due protagonisti, raccontandoci la storia del loro amore dal punto di vista di entrambi.

Come nella più classica commedia degli equivoci, anche qui ciò che appare in superficie non rispecchia quello che c’è in profondità. Solo quando entrambi gli sposi decideranno di rischiare e guardare più in profondità, riusciranno ad aprire nuovamente il loro cuore all’amore, aiutati dalla magia del Natale e dall’affetto della famiglia.

 

 

 

 

 

Una Lady Scandalosa

Una lady scandalosa (I Romanzi Oro) Book Cover Una lady scandalosa (I Romanzi Oro)
Saga Bedwyn
Mary Balogh
Fiction
Center Point Pub
2003-01
415
Slightly Scandalous

Tra tutti i Bedwyn, Lady Freya è forse quella che, fin dal prequel della serie, risulta piuttosto antipatica... Vediamo se la sua storia riesce a farvi cambiare idea!

Una dama testarda

Dopo il matrimonio di suo fratello, Lord Rannulf, Lady Freja Bedwyn si sente depressa e irrequieta.

Pur di non tornare alla residenza di campagna di suo fratello, il potente Duca di Bewcastle, dove risiede anche il suo ex innamorato, Kit Ravensberg,  la cui moglie sta per dare alla luce un bambino, l’indipendente dama accetta un invito a raggiungere un’amica e la madre a Bath.

Mai fuori dai guai

I guai, se così si possono chiamare, iniziano a perseguitare Freja già durante il tragitto, quando uno sconosciuto si infila nella sua stanza per sfuggire all’irato parente di una fanciulla,che pretende un matrimonio riparatore.

Anche se è irritata con lo sconosciuto, Freja lo protegge, perché l’intrusione del locandiere le appare comunque più oltraggiosa di quella dell’uomo.

Finalmente un po’ di pace?

Giunta a Bath, le cose sembrano filare lisce, anche se molto noiose: Freja fa passeggiate in città e visita la Upper Assembly Room in compagnia della sua amica Charlotte e di sua madre, Lady Holt – Barron.

Un giorno, mentre passeggia da sola, Freja rivede lo sconosciuto che le è entrato in camera: sembra stia molestando una giovane ragazza. Dopo averla fatta fuggire, la sorella del Duca di Bewcastle gli mostra tutto il suo sdegno e gli promette che, se mai dovesse incontrarlo in Società, lo svergognerà davanti a tutti…

… ed è proprio quello che fa quando lo incontra nella Upper Assembly Room. Non immaginando che quell’uomo è il Marchese di Hallmere, nipote di Lady Potford.

Chi disprezza ama

Joshua Moore è davvero sorpreso di scoprire che, dopotutto, la donna che ha conosciuto alla locanda, e poi reincontrato nel bosco, è davvero la sorella di un duca. Bewcastle, nientemeno.

Dopo avergli porto delle scuse riluttanti Freja non vuole provare altro che disprezzo per quel marchese mascalzone, ma ben presto si ritrova ad apprezzare sempre più il suo spirito arguto, e a diventargli amica.

Fidanzati per finta

Quando la zia di lui, la marchesa vedova di Hallmere, arriva a Bath con l’intento di fargli sposare la cugina, per mantenere il suo dominio sulla tenuta del defunto marito, Joshua chiede a Freja di fingersi la sua fidanzata. Freja, stuzzicata dalla acide parole rivoltele dall’arcigna nobildonna, decide di accettare la proposta del marchese.

Quello che doveva essere uno scherzo, un fidanzamento di una sera, diventa una cosa ben più seria quando la notizia inizia a diffondersi, ed arriva fino alle orecchie di Bewcastle… Che discende su Bath per verificare se la lettera che gli è giunta corrisponde a verità.

Appurato che è così, il Duca invita Lord Hallmere a trascorrere del tempo a Lindsay Hall, per cementare il fidanzamento. Se, dopo il suo soggiorno lì, lui e Freja vorranno ancora romperlo, allora sarà lei a farlo, così da mantenere intatta la sua reputazione.

M’ama o non m’ama?

Tra Freja e Josh c’è un’attrazione che entrambi, e Freja, in special modo, continuano a negare, ma non solo… Ci sono anche dei sentimenti che vanno al di là dell’amicizia che si era sviluppata all’inizio.Sentimenti che confondono e spaventano la giovane lady, tanto che da farle tentare in tutti i modi di tenere a distanza il finto fidanzato.

Proprio quando Freja convince Joshua a partire con una scusa, lui riceve una missiva dal suo amministratore, che lo informa che nei suoi confronti sta per essere mossa un’accusa di omicidio.

Anche se non desidera sposarlo, a Freja piace Josh, e non le va a genio l’idea che lui si possa trovare in pericolo: così tutto il clan dei Bedwyn si sposta in massa a casa di Josh, per troncare sul nascere quelle illazioni.

Qui, tra un mistero e un intrigo, Freja e Josh scoprono di essere, forse, innamorati uno dell’altra… Sarà abbastanza per un lieto fine?

I Bedwyn non deludono mai

Che dire… Se prima Lady Freja vi stava antipatica, forse leggendo la sua storia cambierete idea. Nonostante provenga da una famiglia numerosa, la forte e indipendente Lady si sente sola. Abbandonata dal suo amore di ragazza, Freja non vuole rimanere a vedere la sua felicità, e cerca di fuggire… Durante questa fuga incontra lo scanzonato Josh, che sotto l’apparenza di perdigiorno e bonaccione, nasconde grandi dolori e segreti.

L’attrazione tra i due divampa forte e immediata. Ma entrambi, Freja più di Josh, hanno paura di cedere alla promessa che porta con sè.

Come gli altri della serie, anche questo romanzo è scitto molto bene, con descrizioni particolareggiate, ma non esagerate e i personaggi sapientemente tratteggiati: l’arroganza e la forza di Freja, il buonumore di Josh, la freddezza di Bewcastle.

Qualche riga a parte va spesa per il cattivo di turno, in questo caso la vendicativa zia di Josh. Una donna davvero sciocca e malevola, che ha distrutto, o almeno ci ha provato, la felicità di tutti quelli che le stavano attorno, comprese le figlie, ed ha sempre rifiutato di vedere la cattiveria del figlio maggiore, forse perché le somigliava un po’ per carattere.

“Vedere” i Bedwyn che scendono in massa su una ignara vittima è sempre emozionante, e anche in questo caso non si resta delusi. Tutte le scene del libro sono capaci di fare provare qualche emozione al lettore: divertimento, tristezza, rabbia, sconcerto… Non c’è mai un momento noioso, di stallo. La storia scorre via liscia e si legge con facilità.

 

 

Incidente d’Amore

Incidente d'amore (I Romanzi Oro) Book Cover Incidente d'amore (I Romanzi Oro)
Saga Bedwyn
Mary Balogh
Fiction
Edizioni Mondadori
December 7, 2012
E - book
288
Slightly Wicked

L'unica occasione che ha Judith di conoscere la passione avrà dei risvolti davvero inaspettati ...

Judith Law è consapevole che la sua vita, almeno come l’ha sempre conosciuta, sta per finire.

Figlia di un modesto di vicario di campagna, quando il fratello manda sul lastrico l’intera famiglia a causa dei suoi eccessi, è lei a offrirsi di andare a vivere con la zia, Lady Effingham, in qualità di dama di compagnia dell’anziana nonna.

Carpe Diem …

Poi la carrozza pubblica sulla quale sta viaggiando Judith si ribalta, e quando un affascinante sconosciuto si offre di accompagnarla alla più vicina locanda, lei accetta senza esitazione.

Per i due giorni successivi, lei non sarà più miss Judith Law, ma Claire Campbell, affascinante attrice di provincia, e si concederà la gioia di godersi, almeno per una volta, quelle gioie che le saranno negate per sempre una volta giunta a destinazione.

La nonna è la nonna!

L’ultima cosa che Lord Rannulf Bedwyn desidera fare è passare del tempo a casa di sua nonna, Lady Bevish, che gli ha annunciato di avergli trovato la sposa perfetta. Dal momento, però, che l’anziana nobildonna lo ha nominato suo erede, Rannulf intraprende il viaggio.

Rimane piacevolmente sopreso, durante un viaggio così poco desiderato, di trovare sul suo cammino quell’angelica creatura dai capelli di fuoco che si fa chiamare Claire Campbell: bloccato in una locanda a causa del maltempo, Rannulf è ben felice di trascorrere due giorni di intensa passione con la bella attrice.

Dopo aver acconsentito a stare con lui per un’altra settimana, però, l’affascinante dama sparisce, lasciandogli solo un biglietto.

Giunto a casa di sua nonna, Lord Rannulf fa quasi immediatamente la conoscenza della fanciulla che l’anziana donna ha scelto come sua sposa: la diciottenne figlia di Lord Effingham, Julianne.

Chi non muore si rivede

Ad attirare la sua attenzione, tuttavia, non è la bellissima fanciulla, ma la dama di compagnia dall’aspetto dimesso che se ne sta seduta in disparte e gli viene presentata come Judith Law. Non si è sbagliato: è proprio lei, la sua Claire, la donna che lo ha abbandonato senza guardarsi indietro dopo due notti di intensa passione.

Alla prima occasione che gli capita, Rannulf prende Judith in disparte, per comunicarle tutto il suo disprezzo e la sua incredulità, poi le offre un matrimonio riparatore, per averle rubato la verginità.

Judith è affranta, e umiliata. Avrebbe voluto conservare un ricordo romantico dei giorni trascorsi con quell’affascinante sconosciuto, ma adesso che lui l’ha vista così, una parente povera trascurata da tutti, umiliata e malvestita, e le ha rivolto quella proposta dettata solo dal senso del dovere, Judith sa che la sua bolla di sapone si è infranta.

Lord Rannulf non riesce a spiegarsi perché la sua attenzione continua ad essere attratta da una donna che per lui è inaccettabile sotto tutti i punti di vista, ma tant’è… Julianne, la donna scelta per lui da lady Bevish, è insulsa ed egoista, e pensa solo al proprio tornaconto, tutto il contrario dell’altruismo e della generosità dimostrati dalla cugina, Judith.

Un trattamento ingiusto

Ogni giorno che passa Judith sente sempre più nostalgia della propria casa e della propria famiglia: costretta ad allargare i propri abiti per farli diventare informi, e a coprire i capelli con una orribile cuffietta, viene trattata con disprezzo e disinteresse da tutti, fuorché dalla sua dolce e gentile nonna.

E le cose peggiorano quando, al party organizzato dalla zia, arrivano il fratello, Bran, che, al contrario di lei, viene trattato come un ospite di riguardo, e del figlio di primo letto di lord Effingham, che continua a lanciarle occhiate lascive e farle complimenti volgari.

A Lora Rannulf non piace per niente il modo in cui il figlio di Lord Effingham gira attorno a Judith, ma può fare ben poco per arginare le sue attenzioni, fino alla sera del ballo a casa di sua nonna, quando l’uomo aggredisce Judith.

Dopo essere stato malmenato da Rannulf, Horace Effingham giura di vendicarsi di entrambi, e lo fa, qualche giorno dopo, in modo spettacolare, accusando Judith del furto dei gioielli della nonna.

Proprio la mattina in cui Lord Rannulf si reca da Effingham per chiedere la mano di Judith, viene informato che la donna di cui è innamorato è fuggita, dopo essere stata accusata di furto insieme al fratello.

Rannulf, allora, parte alla volta di Londra, dove conta di sguinzgliare tutto il formidabile clan dei Bedwyn alle calcagna di Horace Effingham… Basterà questo a fagli conquistare l’amore di Judith?

I Bedwyn sono sempre i Bedwyn

Non credo ci sia un libro di questa saga che possa non piacere. Nonostante sia passata una decina d’anni dalla prima volta in cui ho letto un romanzo dei Bedwyn, le storie dei membri di qesta famiglia continuano ad emozionarmi, e a commuovermi.

Questa volta è toccato a Rannulf: giovane, prestante e un po’ scapestrato, con alle spalle le ricchezze di famiglia, non ha mai pensato di avviarsi alla carriera ecclesiastica, come un buon terzogenito. Solo l’incontro con Judith lo spingerà a riflettere, e diventare più responsabile.

Judith è una giovane donna insicura, ma determinata e coraggiosa. Tutti in famiglia le hanno sempre ripetuto quanto poco attraente fosse, e, anche se le loro intenzioni erano buone, lei non ha mai avuto molta fiducia in sé stessa.

L’incontro con Rannulf le fa desiderare l’impossibile, ma lei resiste fino all’ultimo, convinta che tra loro ci siano troppe differenze.

Il modo in cui la famiglia della zia tratta Judith è davvero abominevole, mortificandola oltre ogni dire e cercando di renderla praticamente invisibile. Solo la nonna, ex attrice, è convinta della bellezza e del valore della nipote; ma anche lei la abbandonerà nel momento in cui avrà più bisogno del suo appoggio e della sua fiducia.

Anche il fratello di Judith, Bran, è un personaggio che si fatica ad apprezzare: viziato ed inetto, non si rende conto del danno che il suo stile di vita ha provocato alla famiglia. Lo stesso padre di Judith è da biasimare, per aver concesso così tanta libertà al figlio, e poi facendo pagare lo scotto delle sue scelte alle figlie.

I Bedwyn, Bewcastle in testa, sono formidabili come sempre… Si legge tutto il libro chiedendosi quando finalmente il temibile Duca farà la sua comparsa per rimettere a posto le cose.

Ma il Duca di Bewcastle, per quanto potente, non ha potere sui pensieri e sui sentimenti delle persone, e sarà compito di Rannulf convincere Judith che loro due sono fatti per stare insieme.

 

Che dire! Il romanzo è semplicemente perfetto (tanto per citare la stessa Mary Balogh), una lettura che tiene col fiato sospeso fino all’ultimo. I personaggi sono tutti ben disegnati: i parenti crudeli, il fratello inetto, le nonne arzille ed astute… E i protagonisti! Entrambi orgogliosi e testardi, spaventati di cedere all’amore e alla felicità, si concederanno questo lusso solo alla fine.

Il prossimo post dedicato ai Bedwyn verdrà protagonista… Lady Freja, che alla fine di questo libro abbiamo visto partire per Bath dove, ne siamo sicuri, ne combinerà delle belle… In puro stile Bedwyn!

 

 

 

 

 

Sposa a Metà

Sposa a metà (I Romanzi Oro) Book Cover Sposa a metà (I Romanzi Oro)
Saga Bedwyn
Mary Balogh
Fiction
Edizioni Mondadori
December 7, 2012
272
Slightly Married

La promessa fatta ad un amico morente porterà il colonnello Aidan Bedwyn in un viaggio ricco di sorprese.

Lord Aidan Bedwyn è un orgoglioso colonnello dell’esercito di Sua Maestà, un uomo d’onore, che non si tira mai indietro davanti al dovere. Quando il capitano Morris, che gli aveva salvato la vita sul campo di battaglia, gli chiede di andare di persona a dare alla sorella la notizia della sua morte, e di prendersi cura di lei, Aidan sa di non poter rifiutare.

Una donna indipendente

Eve Morris conduce un’esistenza serena a Ringwood Manor, la casa ereditata dal padre. La sua unica preoccupazione è per il fratello, che si trova in Francia a combattere contro Napoleone. Per quanto preoccupata non si aspetta, tuttavia, di ricevere la notizia della sua morte.
Quando il colonnello Bedwyn le spiega il perché della sua visita, ad Eve sembra di sprofondare: cosa ne sarà, adesso, della sua casa, dei suoi domestici, e soprattutto dei piccoli orfani che ha accolto in casa sua e che le sono ormai cari come due figli? Non lo sa proprio.
Quello che sa di sicuro è di non poter ricorrere all’aiuto del colonnello, nonostante la promessa che Percy gli ha estorto in punto di morte.

A mali estremi …

Aidan è perplesso, il compito che si è accollato gli sembra fin troppo facile: perché il capitano Morris ha insistito tanto perché lui proteggesse la sorella se lei è proprietaria di Ringwood Manor e conduce una vita serena? La faccenda gli sembra decisamente strana, e lui decide di rimandare la sua partenza per qualche giorno.
I suoi sospetti si rivelano fondati quando scopre che se Eve non si sposerà entro quattro giorni perderà la sua casa, che passerà di diritto a suo cugino, un fannullone tronfio e pieno di sé, che non aspetta altro che di impossessarsi della proprietà per sbattere fuori tutti i suoi occupanti.
Quando il colonnello Bedwyn le propone un matrimonio di convenienza per salvare la sua casa Eve è sbalordita, e rifiuta la sua offerta; una volta resasi conto di tutto quello che lei e gli abitanti della sua casa hanno da perdere, però, ci ripensa ed acconsente.

Alcuni segreti non possono essere nascosti …

Quando la minaccia incombente su Ringwood Manor è finalmente scongiurata, Aidan è libero di ripartire verso la residenza di famiglia, lasciandosi dietro quel matrimonio che resterà per sempre tale solo di nome.
Ma niente nella vita è semplice come sembra: una volta che il duca di Bewcastle scopre di avere una cognata, insiste perché ella venga presentata a Corte e in società. Aidan si oppone al mandato del fratello, ma questi si reca direttamente da Eve per farle pressione affinché si rechi a Londra.
Eve è sconcertata. Quando ha sposato il colonnello non aveva mai immaginato di dover entrare a far parte della buona società, anche perché non ne ha alcun desiderio; tuttavia, quando il duca le spiega che un suo rifiuto macchierebbe la reputazione del marito, Eve scopre di non poter far altro che accettare.
Inizia così per lei e Aidan un viaggio che li avvicinerà in un modo che nessuno dei due avrebbe mai immaginato possibile, Tra una presentazione a Corte e un ballo ufficiale, Eve e Aidan scoprono di provare qualcosa l’uno nei confronti dell’altra, ma la strada per il vero amore è piena di ostacoli…


La saga dei Bedwyn è una delle serie che mi hanno appassionato di più in assoluto, di cui custodisco gelosamente tutti i libri e non mi stanco mai di rileggerli.

In questo primo libro conosciamo più da vicino tutta la famiglia, compreso il freddo e imperscrutabile duca di Bewcastle, che gioca un ruolo predominante nella vita e nelle scelte di tutti i suoi fratelli e sorelle. Sarà grazie alla sua interferenza che, nel bene o nel male, Aidan ed Eve scopriranno di amarsi, e sarà sempre lui a salvare Eve da una situazione davvero disperata…
Mary Balogh è un’artista, che sa usare la penna come un pittore usa il pennello, e con le sue parole riesce a trasportarci in un mondo lontano, un mondo dove possiamo sognare ad occhi aperti e, dove, quando hai finito di leggere, provi una profonda nostalgia verso i luoghi e i personaggi che hai visitato.

 

Un’Estate da Ricordare

Un'estate da ricordare Book Cover Un'estate da ricordare
Saga Bedwyn - Prequel
Mary Balogh
Fiction
2007
E - book, cartaceo
336
A Summer to Remember

Il conte di Ravensberg torna a casa con una nuova fidanzata, ma nessuno è convinto della sua sincerità.

Un accordo conveniente

Kit, conte di Ravensberg, è un militare in congedo e un incallito libertino che sta per tornare nella tenuta dove è cresciuto dopo anni di assenza.

Lauren è una donna che è appena stata abbandonata sull’altare e non ha intenzione di sposarsi mai più.

Quando le loro strade si incrociano Kit propone a Lauren un patto: accompagnarlo a casa fingendo di essere la sua fidanzata per la durata del periodo estivo.
Lauren accetta, in fondo, il suo cuore non corre alcun rischio!

Fantasmi dal passato

Man mano che si avvicinano alla tenuta vecchi ricordi tornano ad affollare la mente di Kit, fantasmi di una vita passata e di quello che avrebbe potuto essere se il fato non si fosse divertito a scompigliare le carte…
Poco tempo dopo essere giunta a casa di Kit, Lauren si rende conto che quel finto fidanzamento non è semplice come sembrava.
Il suo fidanzato, a quanto pare, ha parecchi segreti, uno su tutti la bellissima Freja Bedwyn, sorella del temibile duca di Bewcastle, di cui era innamorato da ragazzo, amore che ha causato una frattura tra lui e la sua famiglia e un fratello tornato dalla guerra completamente sfigurato.
Adesso che Kit è diventato il conte di Ravensberg, Freja spera di potersi riprendere Kit ma la sua insipida fidanzata è un ostacolo imprevisto.

Qualcosa di più …

Con l’avanzare dell’estate, quello che doveva essere un accordo conveniente per entrambi diventa per Lauren e Kit qualcosa di più profondo, qualcosa che i fantasmi del passato e le paure del presente potrebbero soffocare sul nascere.
Sarà capace, l’amore, di superare tutto questo? Lo scoprirete solo quando l’estate sarà finita…

Ho sempre amato questo romanzo, già da quando l’ho letto per la prima volta e non sapevo che fosse il primo libro di una delle serie più belle che abbia mai avuto la fortuna di leggere.

I personaggi sono ben delineati e la storia è una di quelle che ti tengono con il fiato sospeso, capaci di farti versare anche qualche lacrima per la loro intensità.
La famiglia Bedwyn viene introdotta con maestria e la giuste dose di drammaticità. Il primo impatto con loro non è dei più favorevoli perciò avviso chi non avesse ancora letto questa serie di non scoraggiarsi: sono migliori di quello che sembrano in questo libro!
E nel frattempo godetevi una storia meravigliosa scritta da una maestra del genere: non ve ne pentirete.