Loading...
Romanzi Contemporanei

Una Cenerentola a Manhattan

Una Cenerentola a Manhattan Book Cover Una Cenerentola a Manhattan
Felicia Kingsley
Fiction
Anagramma
2018
407

Una strana Cenerentola che non sogna il Principe Azzurro, ma una rivista e la sua firma sulla copertina di un romanzo…

C’era una volta, in un regno molto lontano… 

No, no, no aspettate un attimo…Questa è tutta un’altra storia! 

C’era una volta, a New York, una ragazza che non credeva che un paio di scarpe potesse cambiare la vita di qualcuno, né pensava che esistessero i colpi di fulmine (ecco, così va decisamente meglio!).

Una Cenerentola a Manhattan

A pensarci bene, la vita di questa ragazza assomiglia un po’ alla storia di Cenerentola. Dopo la scomparsa della madre, il padre si è risposato con una donna odiosa, con due figlie altrettanto odiose.

Quando anche il padre scompare prematuramente, la matrigna si appropria della rivista creata dalla madre di Riley, cercando di sistemare le figlie inette, che vorrebbero diventare delle famose star del web. A Riley, invece, tocca un lavoro sottopagato in quella che dovrebbe essere la sua redazione.

Anche se, ad una prima impressione, la matrigna e le sorellastre le hanno portato via tutto, in realtà a Riley è rimasta la cosa più importante di tutte: i suoi sogni.

Cosa sogna Riley?

Riley, che scrive di nascosto per un magazine maschile producendo contenuti satirici sui rapporti tra uomini e donne, vorrebbe finalmente veder pubblicato il suo libro. Farebbe di tutto per raggiungere questo traguardo. Anche imbucarsi ad una festa per nascondere una penna USB nel taschino di un famoso editore.

È proprio a quella festa che Riley conosce un uomo che, nonostante le sue resistenze, riesce ad entrarle sotto la pelle, e con il quale intreccia una relazione basata su un’intensa passione.

Bugie, bugie, bugie

Come accade alla vera Cenerentola, però, anche per Riley la strada è tutta in salita. Troppo insicura, sia per quanto riguarda sé stessa, sia per quanto riguarda il proprio lavoro, a causa delle bugie delle sorellastre rischia di vedersi soffiare da sotto il naso l’occasione di una vita.

Le sorellastre e la matrigna, però, non sono le uniche ad avere dei segreti. Anche Riley ne ha.

Le bugie che ha detto per proteggere i suoi sogni, adesso potrebbero farle perdere una delle poche persone che tengono davvero a lei.


Che dire, Felicia Kingsley ci ha abituate ad una scrittura frizzante e coinvolgente, capace di far immedesimare il lettore nella storia che sta leggendo e di emozionarlo.

“Una Cenerentola a Manhattan”, il suo terzo libro, non è forse il migliore che ha scritto, ma non disattende la promessa contenuta nella sinossi.

La Cenerentola moderna che ci presenta Felicia Kingsley nel suo libro è una ragazza che ha ricevuto parecchi colpi dalla vita, ma è riuscita comunque a conservare la cosa più importante di tutte: i suoi sogni. Peccato solo che metterli in pratica non sia così semplice.

È vero, ci sono la matrigna e le sorellastre a metterle i bastoni tra le ruote ma la nemica numero uno di Riley è proprio Riley. Afflitta da un’insicurezza cronica, la protagonista del romanzo non riesce a tirarsi fuori dal baratro in cui è sprofondata non solo per mancanza di opportunità ma perché ha paura di farlo. Quando finalmente trova il coraggio di fare qualcosa, la sua abitudine al fallimento rischia comunque di farle perdere tutto.

Ovviamente, come in ogni favola che si rispetti, anche in questo caso c’è un principe azzurro: Jesse Crawford non è certo l’ideale di uomo di Riley ma riesce, suo malgrado, ad entrarle sotto la pelle e a diventare qualcosa di più di un semplice compagno di letto con il quale divertirsi. Anche con lui, però Riley rischia di fare un bel pasticcio.

Una Cenerentola a Manhattan è il romanzo perfetto per chi vuole leggere una storia d’amore che sappia coinvolgere e divertire.

Inizia subito a leggere “Una cenerentola a Manhattan”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: