Loading...
Romanzi Contemporanei

Il Faro degli Amori Appena Nati

Il faro degli amori appena nati Book Cover Il faro degli amori appena nati
Jenny Colgan
Fiction
2015
391
Little Beach Street Bakery

I wish I was a fisherman 

Tumbling on the seas

Far away from dry land

And its bitter memories 

Casting out my sweet line 

With abandonement and love

No ceiling beating down on me

'Cept the starry sky above

With Light in my head 

You in my harms 

Woohoo! 

THE WATERBOYS, Fisherman's Blues

È tutto finito, andato, chiuso per sempre. Non solo il loro lavoro, la loro indipendenza così agognata e sudata e i loro sogni, ma anche la loro vita come coppia.

È tutto finito

Non importa quanto Polly si sia impegnata per salvare l’impresa di design e grafica che ha messo su insieme a Chris, il suo fidanzato. Alla fine hanno dovuto arrendersi e mettere tutto nelle mani del tribunale, che ha pignorato anche la casa in cui erano andati a vivere insieme.

Dopo che Chris le ha vomitato addosso ingiustamente tutta la sua frustrazione, Polly si sente triste e svuotata. Vuole solo un piccolo appartamentino dove potersi rinchiudere a leccarsi le ferite e riannodare i fili della sua vita.

Casa mia, quanto mi costi!

Peccato che a Plymouth gli appartamenti abbiano tutti dei canoni d’affitto proibitivi che Polly non si può certo permettere, con i pochi soldi che le sono rimasti.

L’annuncio di un appartamento con un canone d’affitto più che conveniente nello sperduto isolotto di Mount Polbearne le sembra davvero un sogno, che Polly non vuole lasciarsi scappare.

Devi essere pazza

È quello che continua a ripeterle la sua migliore amica quando vede le condizioni del cosiddetto “appartamento”, che non è altro che un gruppo di stanze malandate poste al piano superiore di un vecchio panificio ormai in disuso. Nel profondo Polly è d’accordo con lei, ma non lo ammetterà mai. Anche se per arrivare in quel posto ci vogliono ore e bisogna sottostare ai capricci delle maree. Anche se quella casa è davvero poco più di una catapecchia, lei sa di non avere molta scelta. Sa che quello è l’unico modo che ha di ricominciare daccapo.

Armandosi di pazienza e di buona volontà, Polly, dopo aver salutato una preoccupata Kerensa, si mette all’opera e cerca di dare a quel posto un aspetto più confortevole.

Amici e nemici

Per fortuna in quel posto che sembra disabitato ci abita ancora qualcuno: oltre alla sua scorbutica padrona di casa, proprietaria dell’unico panificio, dalla quale si ripromette di stare alla larga, ci sono anche i pescatori.

Ogni notte, che il tempo sia bello o brutto, quegli uomini escono in barca per guadagnarsi da vivere. Vedendo Polly in difficoltà, si offrono di darle una mano. Lei, in cambio prepara loro qualcuna delle sue specialità, e trova degli amici per la vita.

Oltre a loro, Polly trova anche una pulcinella di mare con un’ala spezzata, che battezzerà con il nome di Neil e diventerà uno dei suoi nuovi amici.

Non bisogna dimenticare Huckle, un attraente americano che ha deciso di trasferirsi lì per produrre del miele.

Come vanno gli affari?

Sebbene all’inizio la vita sull’isola, per Polly, si riveli piuttosto ardua, con il passare del tempo riesce ad adattarsi a quei ritmi così lenti e lontani dal mondo moderno.

La sua unica, grande, passione, quella per il pane, all’inizio le procura un sacco di problemi, ma, in seguito, sarà ciò che l’aiuterà a rialzarsi.

Il faro degli amori appena nati

All’ombra del piccolo faro che svetta sull’isola, la vita di Polly prende una piega imprevista quando tutto sembra iniziare ad andare per il verso giusto.

Dopo aver superato le resistenze della sua padrona di casa ed essere riuscita ad aprire un negozio tutto suo, Polly deve fare i conti dapprima con nuovi problemi di cuore, poi con una catastrofe che si abbatte sull’isola ed infine con un nuovo amore che sembrava promettente ma, invece, sembra portarle solo altro dolore.

Riuscirà Polly a dare una svolta definitiva alla sua vita e a ritrovare l’amore?


Il faro degli amori appena nati è un romanzo che mi è stato regalato, al quale mi sono approcciata con un po’ di diffidenza. Dopo averlo letto tutto d’un fiato, devo dire di essere rimasta piacevolmente sorpresa.

L’inizio è un po’ lento. Le cose si fanno interessanti dall’arrivo di Polly sull’isola in poi, quando, oltre al fidanzato in pausa di riflessione Chris e alla stramba migliore amica Kerensa, fanno la loro comparsa Tarnie e il suo gruppo di pescatori, Gillian, la burbera padrona di casa di Polly, il simpatico Neil e l’affascinante Huckle con il suo altrettanto strambo miglior amico Reuben.

Una non sempre allegra combriccola di personaggi ben costruiti (sì, ci metto anche la pulcinella di mare, che fa tanto Gabbianella e il Gatto), che danno spessore ad una trama all’apparenza piatta ma ricca di increspature e risvolti imprevisti, che rendono il proseguio e il finale interessanti e per niente scontati.

Ogni volta che ti aspetti una continuazione noiosa, ti trovi davanti un imprevisto che ti lascia a bocca aperta e ti fa venire voglia di proseguire la lettura per scoprire cosa succederà ancora nella vita di Polly. Avrei preferito un finale leggermente diverso, che si dilungasse più sul lieto fine, ma per il resto posso dirmi soddisfatta.

Dentro questo romanzo c’è davvero tutto, dalla gioia all’amore, dalla tristezza al dolore, dalla delusione alla speranza; e questi sentimenti sono somministrati al lettore in piccole dosi ben bilanciate, che rendono questa storia una ricetta perfetta per un buon romanzo, piacevole da gustare e assaporare come il pane appena sfornato della protagonista.

Come è stato consigliato a me, anche io consiglio a voi di leggere “Il faro degli amori appena nati“, vi garantisco che non resterete per niente deluse!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *