Le fragilità del cuore

Le fragilità del cuore Book Cover Le fragilità del cuore
Susan Elizabeth Phillips
Fiction
Leggereditore
15 November 2017
Heoes Are My Weakness

Una  ventriloqua spiantata in cerca di guarigione e un eroe/ cattivo tormentato dal suo passato in cerca di solitudine si ritrovano sull'isola che avevano giurato di lasciarsi per sempre alle spalle...

Peggio di così…

Solitamente Annie non parla con le valigie (i suoi pupazzi sono tutta un’altra storia) ma questa è una situazione d’emergenza: non capita tutti i giorni di trovarsi su un’isola mentre impazza una bufera di neve!

Stanca, infreddolita e provata dalla  brutta polmonite da cui è a stento guarita, dopo che un misterioso cavaliere nero ha fatto sbandare la sua auto, utilizza le sue ultime forze per raggiungere il cottage che la madre le ha lasciato in eredità, solo per trovarlo freddo e buio. Evidentemente il custode della villa sul cui terreno sorge la piccola abitazione si è scordato del suo arrivo, o l’ha bellamente ignorato.

Dopo essersi arrangiata in qualche modo per la notte, non appena fa giorno Annie decide di raggiungere Villa Harp, la casa del suo ex patrigno, per parlare con l’uomo che avrebbe dovuto preparare il cottage per il suo arrivo. Solo che quando arriva a destinazione non trova la persona che sta cercando ma Theo Harp, l’uomo che le ha quasi rovinato la vita e suo peggiore incubo. Dalle poche battute velenose che  si scambiano, ad Annie appare ancora più chiaro che l’ex  fratellastro  sia  ancora più pazzo di quando aveva sedici anni.

Lo scontroso padrone di casa, le  fa infatti capire di non gradire la presenza di nessuno, tantomeno la sua, e le intima di tenersi alla larga da lui e dalla sua casa. 

Ritrovarsi

Anche se fino a quel momento il suo soggiorno sull’isola non è stato un granché, l’umore di Annie si risolleva quando ritrova Jaycie, una sua vecchia amica, e scopre che lavora come governante per lo scorbutico Theo. A causa di un’incidente Jaycie non può svolgere tutti i lavori da sola, così Annie decide di darle una mano.

Mentre lavora fianco a fianco con l’amica ritrovata  fa conoscenza anche con la figlia di lei, Livia, una bambina timida e introversa, che ancora non parla, ma lega subito  con Annie per via delle sue abilità da ventriloqua, che le consentono di dare  la  voce al pupazzetto Scamp. A poco a poco, la vita di Annie sull’isola inizia ad assumere una sua routine, con le giornate trascorse ad aiutare Jaycie e a cercare la fantomatica eredità milionaria della madre.

Niente è come sembra

Annie è arrivata sull’isola piena di incertezze per il suo futuro, ma senza alcun dubbio sul suo passato, e sulle persone che ne hanno fatto parte. in particolare su Theo, e sul suo carattere inaffidabile.

Più passa il tempo, però, più Theo si rivela un uomo completamente diverso dal ragazzino problematico che le ha reso la vita un inferno durante l’estate in cui sua madre era stata sposata con il padre di lui.

Ben presto tra di loro si instaura di nuovo quella confidenza che aveva contraddistinto i loro primi incontri, e il sospetto che Theo possa essere il responsabile degli strani episodi che stanno accadendo al cottage si allontana sempre di più.  Annie, a poco a poco, lascia cadere quelle barriere che aveva eretto per proteggersi dall’uomo che l’ha tanto ferita in passato.

Basterà la loro ritrovata intimità a cancellare tutte le incomprensioni del passato?


Non c’è niente di meglio di un romanzo di Susan Elizabeth Phillips per scaldarsi il cuore durante una gelida giornata invernale: Annie e Theo sono due personaggi complessi, dalle mille sfaccettature, che l’autrice è riuscita  raccontare in modo superbo.

La loro storia è fatta di mille segreti e incomprensioni che, a causa della lontananza e del passare del tempo si sono trasformati in granitiche certezze. Se è vero che Theo non è lo psicopatico che Annie ha dipinto nella sua mente, è anche vero che le sue relazioni, familiari e romantiche, gli hanno creato un danno emotivo difficile da superare.  In questo senso, Annie è un balsamo per le sue ferite, perché è indipendente e sicura di sé, ben diversa dalle donne con cui ha avuto a che fare fino a quel momento.  Annie, invece, trova in Theo il suo motivatore, colui che le fa vedere la vera Annie: una donna indipendente e caparbia, capace di farsi strada nel mondo.

Il racconto  delle loro vicende è ben strutturato e approfondito. I personaggi secondari, anche quelli più marginali, non sono messi lì a caso, ma, con la loro presenza, arricchiscono il complesso intreccio della trama, fatto di tanti segreti e colpi di scena, che mantengono viva l’attenzione fino alla fine del libro.

Se cercate una storia romantica, non banale, che sappia toccarvi in profondità, Le fragilità del cuore è il romanzo che fa per voi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *