Loading...
Romanzi Storici

Appuntamento al buio

Appuntamento al buio Book Cover Appuntamento al buio
Mariangela Camocardi
Fiction
Mariangela
7 July 2017

Una coppia in crisi. Un castello sperduto. Un mistero da risolvere.
Sono questo gli ingredienti dell'ultimo avvincente romanzo di Mariangela Camocardi

Barbara, fresca sposina, si trova già ad affrontare una crisi matrimoniale a causa delle voci che le sono giunte su un presunto tradimento che lui si è rifiutato di confermare o smentire.

Lasciata la tenuta del marito, si rifugia a Bologna, nella casa che il padre le ha regalato per le nozze, dove trascorre le sue giornate con la vivace e spregiudicata Elena, sua migliore amica dai tempi del collegio.

Una festa esclusiva

È proprio Elena, con le sue mille insistenze, a convincerla a partecipare alla festa di carnevale della marchesa Lavinia Scaringelli, famosa per i suoi eccentrici ricevimenti. Barbara, sebbene anche il marito sia contrario al fatto che lei vi partecipi, decide di partire lo stesso, ma se ne pente dopo pochi giorni dall’arrivo. Mentre la sua migliore amica si intrattiene e flirta con tutti i vanesi damerini presenti all’evento, infatti, Barbara, più seria e morigerata, se ne sta in disparte,  cercando di scacciare un fastidioso e zelante corteggiatore e a domandarsi perché non abbia dato ascolto al marito.

La sera del ballo in maschera, evento clou della festa, Barbara è quasi decisa a non partecipare, ma poi, all’ultimo, si ritrova a mescolarsi alla folla di invitati, travestita con un costume identico a quello di Elena.

Una serata da dimenticare

Il momento centrale della festa è il gioco di moscacieca al buio organizzato dalla marchesa e Barbara è decisa a trovarsi il più lontano possibile dalla sala da ballo quando inizierà. Presa da uno strano languore, quando incrocia lo sguardo di un uomo mascherato dalla parte opposta del salone non riesce a resistere alla tentazione di avvicinarglisi e di appartarsi con lui nella serra.

Al termine di quella frenesia, però, un’amara sorpresa l’attende: durante il gioco è avvenuto un omicidio. Viene chiamato il magistrato e nessuno può andarsene  finché il caso non sarà risolto. All’arrivo del marito, Barbara si sente in colpa per ciò che è accaduto ma è anche sollevata perché, senza volerlo, si troverà ad essere una testimone chiave di quel delitto che porta con sé una fitta scia di intrighi e misteri.

Riuscirà il magistrato a trovar l’assassino? E riusciranno, Barbara e il barone Laurenzi, a recuperare il loro matrimonio?


Anche questa volta Mariangela Camocardi ha fatto centro, con questa bellissima storia d’amore ambientata nei monti Sibillini. In “Appuntamento al Buio” ci sono tutti gli ingredienti di un buon romanzo: due protagonisti innamorati ma avversati da intrighi e tradimenti, un castello trecentesco sperduto tra le montagne e un mistero da risolvere. E che mistero!

Il romanzo è caratterizzato da una bella trama e da un’appassionante storia d’amore, quella tra Barbara e Alviero, barone Laurenzi, che, però, è messa a dura prova da misteriose lettere che attestano un presunto tradimento di quest’ultimo. I caratteri dei protagonisti sono ben delineati, c’è molta introspezione, soprattutto nel personaggio di Barbara, al quale è facile affezionarsi. Anche quello di Alviero, sebbene più duro e intransigente della moglie, è un personaggio positivo . I loro incontri sono sempre interessanti, i loro scambi di battute mai banali.

Un po’ meno consistenti sono alcuni personaggi secondari, come quello di Elena, la migliore amica di Barbara che, secondo me, non assolve fino in fondo il suo ruolo di disturbatrice. Sono state proprio le scene con lei che mi hanno annoiata di più: quello di Elena dovrebbe essere un personaggio scaltro ed intrigante, alla fine, risulta solo petulante e noioso.  Invece, ho apprezzato molto il personaggio del magistrato, un uomo dall’aria apparentemente bonaria che nasconde una mente acuta e affilata, capace di scovare anche i più piccoli dettagli.

Non ho dato al romanzo le cinque stelle proprio perché ho trovato alcune scene un po’ lente, appunto. Il personaggio di Elena non mi ha proprio convinta. Una volta superato lo scoglio iniziale, però, la lettura scivola via veloce, e acquista di intensità man mano che il mistero si infittisce e aumentano le incomprensioni tra i due protagonisti.

Se vi piacciono i romanzi d’amore conditi da ben più di un pizzico di suspense, allora questa è di sicuro la lettura per voi!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *