Loading...
Romanzi Storici

Patto con il Diavolo

Patto con il diavolo Book Cover Patto con il diavolo
I Libertini di St. James
Lorraine Heath
Fiction
Harper Collins Italia
2016-06-20T00:00:00+02:00
E - book
320
The Scoundrels of St. James

Il Conte Diavolo sarà davvero così diabolico come tutti sostengono?

Lucian Langdon, Conte di Claybourne, è definito “Il Conte Diavolo” dai suoi pari, perché la sua presenza incute timore nei rispettabili membri del bel mondo. La sua infanzia, infatti, non è stata come quella degli altri membri dell’aristocrazia. All’età di sei anni un ragazzo di strada, Jack, lo trova in un vicolo e lo porta dal capo della sua banda, un certo Feagan. Con Feagan trova una casa e impara a rubare.

Un incontro fortunato

Vive così fino all’età di quattordici anni quando viene arrestato per omicidio. Durante il processo il padre della vittima, il conte di Claybourne, lo riconosce come il nipote scomparso anni addietro e lo fa liberare, conducendolo poi a casa sua. Il vecchio conte accoglie anche gli amici di Luke e li istruisce insieme al nipote.
Nonostante diventi conte alla morte del nonno, Luke viene guardato con disprezzo dal resto dell’aristocrazia e vive una vita isolata da essa. Pur desiderando rispettabilità e accettazione, è segretamente convinto di non essere davvero il legittimo erede del titolo.

Una dama temeraria

L’unica aristocratica che abbia avuto il coraggio di fronteggiarlo, seppur solo con lo sguardo, è Lady Catherine Mabry. Ancora adesso, cinque anni dopo, entrambi ricordano perfettamente quello strano momento; ma non è per questo che Lady Catherine lo va a trovare nel cuore della notte. Quando Luke sente la richiesta che la fanciulla gli fa ne resta scioccato, ma poi le propone un accordo: se lei riuscirà ad insegnare a Frannie Darling, la ragazza che vuole sposare, come si comporta una contessa, lui ucciderà l’uomo di cui Catherine si vuole liberare. Catherine accetta.
Per portare a termine la sua parte dell’accordo Catherine deve recarsi nella casa da gioco più famosa della città, Dodger’s, dove Frannie lavora come contabile. Per lei è facile uscire di casa indisturbata dal momento che il padre è a letto malato ed il fratello è in viaggio.
Tra Catherine e Luke si instaura una sorta di amicizia mista ad un’insolita attrazione che entrambi rifiutano di riconoscere, tanto che Luke va avanti con il suo piano e chiede a miss Darling di sposarlo.

Il momento della verità

Quando però Winnie, Lady Avendale, amica di Catherine, viene quasi uccisa dal marito, Luke è disposto a farsi carico della sua parte dell’accordo.
Mentre sono nella residenza di campagna di Claybourne in attesa dell’arrivo del marito di Winnie, Luke e Catherine cedono alla passione. Luke, tuttavia, mette in chiaro che non vuole cambiare i suoi piani di sposare Frannie e Catherine, pur amandolo, è disposta a lasciarlo andare. Al ritorno dalla loro avventura tutto sembra immutato, e il ritorno del fratello di Catherine mette un freno alla sua libertà.
Riuscirà Luke a seguire il cuore, sposare la donna giusta e scoprire la verità sul suo passato?

 


Patto con il Diavolo è il primo libro di una serie molto bella, firmata da una delle maestre del genere, Lorraine Heath. Una storia d’amore bella e intensa, che ci parla di povertà e di riscatto sociale, di drammi sociali e personali, di ferite del corpo e dell’anima. Tutti i personaggi sono ben sviluppati e ci si immedesima facilmente nella loro storia e nei loro pensieri. Possiamo avvertire la passione che si sviluppa tra i due protagonisti, il disagio di Frannie, i mille dubbi che attanagliano Lucian.

Il finale non è scontato e non delude, riuscendo a tenere con il fiato sospeso fino all’ultimo il lettore, in un crescendo di tensione che culmina con un lieto fine, sperato ma incerto.

Questo è un altro di quei libri che ti tengono in sospeso dall’inizio alla fine, dove il finale non è così scontato. Ovviamente molti dei personaggi introdotti nel romanzo si ritrovano poi negli altri libri della serie e avranno storie tutte loro, e l’autrice fa un egregio lavoro nel presentarceli, rendendoli quasi co – protagonisti, ma senza che le loro storie oscurino quella dei protagonisti.

 

One comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *