Loading...
Romanzi Storici

Una Paziente Conquista

Una Paziente Conquista Book Cover Una Paziente Conquista
Fitzhugh Trilogy
Sherry Thomas
Romance
Edizioni Mondadori
2015
E - book
225
Ravishing the Heiress

L'innamoramento è una cosa che ci capita per caso. L'amore è una scelta che facciamo ogni giorno.

Un accordo vantaggioso

Millicent Graves è la figlia di un borghese che ha costruito la sua fortuna grazie agli alimenti in scatola.

Il padre vuole per lei un marito nobile e titolato e la scelta cade su Lord Fitzhug.

Malauguratamente il Lord in questione muore ed il suo erede, ritrovandosi tra le mani una dimora ridotta in malora e un titolo ormai sull’orlo della rovina, si vede costretto a sposare la fidanzata del suo defunto predecessore.
Mentre Millie è entusiasta del suo futuro marito, per lui le cose stanno in tutt’altra maniera: per sposare la giovane ereditiera è infatti costretto a dire addio alla ragazza che ama da sempre, Isabelle.
Millicent, seppur contenta, è comunque molto giovane e non si sente pronta ad affrontare tutti gli aspetti del matrimonio, tantomeno a metter su famiglia, così propone a Fitz un patto, cioè di aspettare otto anni per consumare il matrimonio e generare un’erede.

Un matrimonio combinato

Fitz accetta e il matrimonio ha luogo.

Millie gli sta accanto da buona amica, aiutandolo a superare la depressione che si impadronisce di lui.

Il rapporto tra lei e il marito è improntato su una serena amicizia, in cui Millie riesce a mettere da parte il suo amore per essere un’amica e una brillante socia in affari quando il padre di lei muore e Fitz prende in mano le redini della fabbrica della famiglia.
Se è vero che il giovane Lord ha molte amanti nel corso degli otto anni è però vero che non lo fa per fare dispetto alla moglie né per farla soffrire, giacché non ne conosce i sentimenti.

E Millie, sentendosi colpevole per avergli portato via la possibilità di essere felice con la donna che amava accetta la cosa, lavorando pazientemente per costruire un rapporto che spera possa tramutarsi in amore.

Il momento giusto

Trascorsi gli otto anni Millie vede nella consumazione del matrimonio la speranza di poter finalmente conquistare il cuore del marito, speranza che vede naufragare quando Isabelle, rimasta vedova, rientra prepotentemente nelle loro vite per riprendersi l’amato Fitz.
Il nostro protagonista decide allora di consumare il matrimonio con la moglie e, una volta che questa aspetti un erede, andrà finalmente a vivere con l’amata Isabelle. Millie, pur con il cuore infranto, acconsente perché ama troppo il marito per negargli la felicità.
Ma il tempo cambia le cose e soprattutto le persone, e più il momento di dire addio a Millie si avvicina più Fitz si trova immerso nei dubbi, assalito da una strana malinconia al pensiero di lasciare lei e tutto ciò che hanno costruito negli anni.

Il romanzo è ben scritto e in alcuni tratti è molto commovente. Non bisogna farsi ingannare dalla trama perché Millie non ha un carattere così docile e sottomesso come si potrebbe pensare. E’ il personaggio che ho ammirato di più, soprattutto per la sua forza d’animo. Forse in certi momenti avrebbe dovuto avere più fiducia in sé e nei suoi sentimenti.
Per quanto un marito che tradisce la moglie non dovrebbe ispirare troppa simpatia, io ho trovato invece molto simpatico Fitz, che è stato travolto dagli eventi e che grazie alla moglie è maturato molto.

L’unica cosa di lui che non ho apprezzato è stato l’accanimento nell’aggrapparsi al passato, rischiando di perdere la cosa più importante: l’amore di Millie.
L’unico personaggio che davvero non sono riuscita a farmi piacere è Isabelle: capisco il dolore per la perdita dell’innamorato, ma credo che tutti da molto giovani abbiano avuto un’infatuazione.

Questo non giustifica comunque il fatto di entrare a gamba tesa in un matrimonio e cercare di distruggerlo solo per puro egoismo, forzando la propria presenza anche quando appare evidente che è di troppo.

Solo leggendo la sua storia (A Dance in Moonlight, che non è l’ultimo libro della trilogia) la mia opinione è leggermente migliorata, ma resta comunque un personaggio che non amo particolarmente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *